Notte di luna piena

I piedi ardono, bruciano, come il peggior vino economico nello stomaco, come il fuoco improvvisato sulla spiaggia e come i piedi degli impavidi che si sfidano a saltarlo, al chiarore della luna piena pre eclissi.
La città è deserta, solo gli uccelli cantano, ma i piedi non si fermano, nonostante il dolore della corteccia che sfrega la schiena e nonostante gli addii che sembrano leggeri ma in realtà pesano più che mai.
Scorre la gente intorno a me, scorrono veloci saluti e promesse, scorrono baci nascosti, tutto scorre, labile, come il calore estivo misto all’umido della sabbia, e a me non resta che la mia libertà e la mia giovinezza in cui rifugiarmi, o qualche sorriso, vago ma sincero, di gente per strada pronta a raccontarti la propria vita, amara e penosa, attraverso occhi che implorano pietà.

Port Douglas, Australia, h. 4.00 e il rumore della vita che sprigiona energia.

Annunci