pensieri su un Boeing 777

h 22.20 – Si parte! Eccitazione, agitazione e senso dell’ignoto. Si, ci vuole un po’ di coraggio a partire!

h. 24.00 – mangio salmone, bevo Coca Cola e guardo The Hangover 3 su un tablet tutto per me. Serve davvero tutto questo? Dove e’ scomparso il vero senso del viaggio di conoscenza se i viaggiatori non si rivolgono nemmeno la parola, tutti presi dagli ameniccoli elettronici a loro riservati? Ah, il progresso, quanto bene e quanto male insieme!

h. 4.00 – Dubai. E’ vero che tutti gli aereoporti del mondo si assomigliano, ma questo qualcosina di diverso ce l’ha: migliaia di piani, troppi gates, fontane, trenino per raggiungere gates lontani, oasi, aragoste e champagne a tutte le ore, ogni nazionalita’, compere a tutte le ore e ostentazione ovunque. Non so se fa per me.

h. 6.00 – “Sei italiana?” “Ehm, si, come fai a saperlo?” “Pantaloni e felpa di Scout”

h. 10.00 – Oceano, dall’alto, di nuovo. Vedo le onde incresparsi nell’azzurro che sa di immensita’. 
(colonna sonora: Heroes – David Bowie)

h. 15.00 – Irene: “Ho paura di arrivare a Bangkok perche’ non sappiamo esattamente cosa succedera’ e perche’ devo unire le mani per salutarli”

h. 19.00 – Mi piace arrivare di notte sulle citta’: e’ come cercare di intravederle senza spogliarle, senza scoprirle prima dall’alto. Fa venir voglia che arrivi il giorno per goderle appieno.

… english …

h. 22.20 – We’re leaving! Eccitation, agitation and no ideas at all. Yes, you need some bravery to leave!
h. 24.00 – I eat salmon, drink Coca Cola and watch TheHangover 3 on a tablet all for me. Do we really need all this? Where is the real meaning of the journey of knowledge gone, if the travellers are too into the electrical devices to talk with each others? Ah, the progress, how much goodness and badness together!
h. 4.00 – Dubai. It’s true that all the airport are similar one to the others, but this one have something different: thousund of floors, too many gates, fountains, train to connect one gate to the others, oasi, lobster and champagne at every hour, every nationality, shopping forever and ostentation everywhere. I don’t actually know if I do like it.
h. 6.00 – “Are you italian?” “Ehm, yes, how do you know?” “Trousers and pullover of Scout”.
h. 10.00 – Ocean, from above, again. I see the waves rippling in the blue that tastes like immensity.
(Soundtrack: Heroes – David Bowie)
h. 15.00 – Irene: “I’m scared to land in Bangkok because we don’t know what will happen and because I have to close the hands to greet them”
h. 19.00 – I love landing in the cities by night: it’s like try to catch a glimpse of them without stripping them, without discovering them before from above. It makes you desire the daytime to come, to take all the delight of them.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...