Goodbye Europe: Amsterdam

ENGLISH

Amsterdam presented itself lightened up with sunlight. The high and tall buildings reflects in the canals, blue as the clear sky, where flat boats slowly navigate.
The city is alive and it moves continuously – it is Monday morning, indeed; the yellow trains and the blue trams smoothly carry people to work, while loads of locals and tourists struggle their way against the wind, walking or riding bicycles.

Amsterdam, the sin city, the city where everything can happen: we finally meet.

We are based in the very center, next to Dam Square, and it appears exaggeratedly full of souvenir shops, where to buy grinders, super-cool weed-themed t-shirts or some of the many street foods offered. Besides that, the architecture of this city is rather peculiar: tiny cobblestones streets slide between long series of typical buildings, some painted and some with brick in show, much more taller than wider. The top floor is curiously bell shaped.

The tiny roads that form the center are inexorably busy with coffee shops, some widely known and some more dodgy. They are one of the reasons why Amsterdam is on the top list of destinations for young travelers though. To be fair, buying joints and enjoying a coffee at the same time or having a spliff while sipping a beer in a pub is an experience that is worthy to be tried. This, however, might lead you to a stage when you find yourself wondering around blazed, seeking street food desperately. Luckily enough, Dutches know how to make bloody good cheesy-chips!

Amsterdam is famous for its unconventional night out and therefore, after sunset, we direct our way to the red light district. Having already visited few places in the world known for their promiscuity, I was not expecting to be surprised at all. Said that, I could not have imagined all those women literally selling themselves in red windows, or how explicit the sex shows are. I can’t not admire the pragmatism of a country that prefer to control common vices as sex and weed, rather than leave them to the black market.
In the meantime, our night out in Amsterdam quickly fades away, throughout different bars, Coffeshops and various accidents.

Keeping in mind that Amsterdam is also a cultural city, the morning after we visited the museums areas and the beautiful building of the Rejkmuseum and we spent a couple of hours warming up in a cute Dutch restaurant. Unsurprisingly, we discover that Hollandaise cousine is based on mashed potatoes and sausages, but they can do great things with them!

ITALIAN

Amsterdam ci si presenta illuminata dalla luce del sole. Gli edifici, alti e stretti, si riflettono nei canali, blu come il cielo limpido, in cui le barche navigano lentamente.
La città è in continuo movimento, come ogni Lunedì mattina, e i treni gialli e i tram blu trasportano silenziosamente i lavoratori, mentre la folla di residenti e turisti si fà strada contro il forte vento, chi a piedi, chi in bicicletta.

Amsterdam, città dei peccati, città dove tutto può succedere: finalmente ci incontriamo.

Siamo nella zona centrale, vicino a Piazza Dam, e le strade sembrano esageratamente piene di nogozi di souvenir, dove comprare grinders o magliette con il simbolo della marijuana, e stand di street food. Nonostante ciò, l’architettura di questa città è molto particolare: piccole viuzze a ciottolato si fanno strada attraverso lunghe file di case tipiche, alune colorate altre con mattoni a vista, molto più alte che larghe. Stranamente, il sottotetto ha una curiosa forma a campana.

Le vie del centro sono inesorabilmente piene di coffee shops, alcuni celebri e altri più oscuri, spiegando un altro dei motivi che spingono molti giovani turisti a visitare questa città. In verità, compare una canna e sorseggiare un caffè, o fare qualche tiro mentre si beve una birra in un bar è una sensazione che vale la pena provare. Da considerare, però, che ci si potrebbe poi ritrovare a vagare per le strade della città abbastanza annebiati, alla ricerca disperata di qualcosa con cui abbuffarsi. Fortunatamente gli olandesi fanno delle fantastiche patatine fritte!

Amsterdam è famosa per le sue serate non convenzionali, perciò, tramontato il sole, ci dirigiamo verso il quartiere a luci rosse. Avendo già visitato qualche località nel mondo famosa per la sua promiscuità, non mi aspettavo di rimanere più che colpita nel vedere la quantità di donne che, letteralmente, si vende nelle vetrine rosse, o quanto espliciti sono i sex shows. Non posso che ammirare la pragmaticità di un paese che preferisce controllare vizi inesorabili come sesso e marijuana, invece che lasciarli nelle mani inesperte del mercato nero.
Nel frattempo, la nostra nottata ad Amsterdam svanisce lentamente, attraverso vari bar, coffeeshop e vari incidenti.

Ricordandoci che Amsterdam è anche una città culturale, la mattina dopo visitiamo la zona dei musei, rimanendo affascinati dalla bellezza del Rejkmuseum, salvo poi ripararci al caldo di un piccolo ristorante olandese. Senza grandi sorprese, scopriamo che la cucina olandese si basa fondamentalmente su purè di patate e salsicce, ma le combinazioni che riescono a fare sono ottime!

Londoners’ London?

The feeling you get while in London is in between “Welcome home” and “Living the dream”.

This international meltin’ pot welcomes eveyone and doesn’t allow anybody to feel a stranger in its streets: wherever you come from, there will always be at least a shop, restaurant or person from your own country.
Besides this, you could be living here for years and yet not be able to consider yourself a full “Londoner”.
It’s hard to define a Londoner, but they can be recognized from the pubs they go to, from the way they act on the tube and from the proud in their voice when saying where do they come from.
They are widely considered the “coolest”: they seem to be living in a parallel era, but yet totally updated with technology; they look slightly arrogant, but still wrapped in the famous British politeness; they are the most underground, but etremely classy at the same time.

Nonetheless, London has stopped being a only Londoners’ city long time ago and it looks now more like the dream-city of mass of people coming from all over the world to reinvent themselves.
What we want, as immigrant in London, is to start our new life here, succeed in our career and be as confident as Londonders are.

Will we be able to make ours this city that seems so welcoming for everybody?
Yes, sure, we already did so.
Will we get rid of our own culture and traditions, becoming “British”?
Probably not.

This city offers almost everything we can find in our countries and everything else they don’t offer, so it is too easy for us to stick to our countries abroad and BYO.
British culture is much more than fish & chips and pubs, but it’s hard to completely immerse in it while in London, maybe because this city is so multicultural, or maybe because Londoners themselves aren’t too bothered about it.

And maybe that is why it is so easy to integrate and yet so difficoult to have an overwhelming life changing experience.

Cap II – People on the road

I woke up early and freezing, spent half an hour in a boiling shower and stark packing when my neighbours asked me if I wanted any fruit and veggies.

“We’re going back to South Australia, can’t bring them there”
“Sorry mate, I’m leaving as well, for the same your direction!”

2 minutes later I received many apologies, as there was no room for me in the car, and a sorted ride to Mildura. That’s how I met Emil, an old, white bearded man. He helped me packing and, while asking me the same questions I would have asked to any European if I was Australian. “Does Europe feel like a whole nation? What do you think about the refugee problem?”, and so we stepped in a really animated conversation. He leaves me on a lonely road that leads to the Highway direction Adelaide, taking a picture of my backpack and telling me how sorry he feels but not being able to drive me to Alice Springs.

An old, big, bearded bloke drives me to the highway with his 4×4, where I had to wait a long while for a ride.
A truck stops and there’s David, a middle-age man full of stories and funny jokes, who also saved the life of a fellow truck driver by bringing him away from his vehicle on fire, but never got the recognition for that. He keeps me entertained for hours, hiding me and some fruits from the police at the border between Victoria and South Australia, but after Renmark our paths separate.

He leaves me on a junction, in the middle of the quietest nowhere. I could be staying here for hours or days, with nothing but dry trees around me, I think. Famous last words. Litterally 5 minutes later, I’m in a car with Eric, 20 years old mine worker, who will drive me to Port Augusta.
Driving for 4 hours, we pass through deserted areas, with dry bushes and red ground, cultivated fields with yellow flowers and bright green grass, vineyards, smoth hills and desert, desert and desert again.

Finally, I arrive in Port Augusta. There’s an Outback centre, I have a look at the road to Alice and I realize that hitchhiking there would be too dangerous for me. With any hope left, I ask if there was a bus or train going there and, surprise, 15 minutes later I finally got a not too expensive bus ticket to Alice. Relieved, I just have to enjoy what Port Augusta has to offer me.

Around 5 pm I go to Hotel Flinders, a really old style pub full of builders and constructor workers. It’s Steak night tonight. While reading my Tiziano Terzani book, four men sit at my table, with their orange jumpers. They’re Dutch, lovely people, and we keep on saying jokes, involving also the Aussies around us.
The cider helps and, at the end of the night I am tipsy and full of new stories to tell. The last hour at the pub I meet David, Samoan American guy, who invites me to visit him in Samoa. Next destination, maybe?

It’s 22.55, the red Greyhound bus is waiting at the post office and I find my seat surrounded by Aboriginal people going back to the Outback.
I’m excited.

Cap I – Mildura and the Sunraysia

On my way to Mildura. Don’t even know why I decided to go there, it just sounds like the right thing to do.

On the train, I enjoyed losing myself staring at the landscape: stunning, long and wide fields, sometimes cultivated, sometimes wild. Can’t count the amount of cows and sheep that I’ve seen, slightly similar to the quantity of different shades of green.
Australian countryside will never stop surprising me.

An old lady sits next to me.
She was from Melbourne, retired in the Morington Peninsula, when the husband was really sick, he wanted to go back from where he came from: the countryside.
She loves it here now. She has a big garden, which she takes care of, she goes walking and having picnics on a river and she keeps herself busy painting on woods and texture.
She’s happier now then how she’s ever been.

Finally in Swan Hill, ready to catch the bus to Mildura.
Arrived there, I lost my compass: as I arrived in the city, really excited, I decided to hitchhike in direction North without bothering checking the map.

This is how I met Chris and Yvette, beautiful and helpful souls.
Chris rescued me from the road, brought me into his house and made me a cup of tea with cake and oranges.
Then we sat outside his small house and looked at the endless fields of orange trees. No clouds in the clear sky, the noise of the wind through the fronds and us, talking about this and that.

Yvette drove me to her old house, telling me stories about her work with the Aboriginal Community. Then Chris came by and decided to stretch me until Westworth, stunning little town famous because of the junction between the Darling and the Murray, the two biggest river of Australia.
Chris is a lovely man, really giving and still seeking love. I can only hope the best for him and Yvette.

I found a caravan park and placed my tiny tent next to the river, where the pelicans are keeping me company.

Wrapped in two sleeping bags and still freezing, I decide to have a look at the map. There’s when I realized that the road I wanted to take was only a small country road and I would have not had a great success hitchhiking there.

Asking myself what the hell was I doing there, I decided I would have tried to reach Port Augusta the day after.

tendaz

Un giorno a Cape Hillsborough, ovvero #quellavoltache sentii il Walla Molly

La giornata a Cape Hillsborough inizia verso le 5 della mattina, quando i canguri vanno in spiaggia per rinfrescarsi.
La marea è già alta e gli aborigeni possono creare la loro rete da pesca naturale, una specie di barricata di sassi volta a rinchiudere una piccola baia, e aspettare che la marea scenda per poter catturare ciò che l’oceano non ha riportato al largo. Il vento è troppo forte per poter uscire in barca a pescare.
Mentre aspettano il calare della sera, si addentrano nel bush alla ricerca di bacche e erbe, per cucinare un pranzo prelibato.

“La vita è semplice in paradiso”, si dice. E Cape Hillsborough è un paradiso.

Circondata da folta vegetazione tropicale e modellata dal vento, la lunga spiaggia è un tripudio di sfumature di beige, marrone, arancio e ocra, che contrastano l’acqua cristallina, dalle quale si stagliano rocce dalle forme più strane, erose dal tempo e dall’aria. Le onde si infrangono su di esse, creando un movimento continuo.
La spiaggia sembra deserta, ma in realtà centinaia di migliaia di minuscoli granchi oceanici corrono come truppe e si nasconono nella sabbia al passare del piede umano.
Nel bush, invece, si riposano gli opossum, neri o marroni, che si rifugiano nell’incave degli alberi per riposarsi, deliziati dalla compagnia delle brillanti farfalle multicolori.
Sempre attivi, invece, sono i canguri, che saltano all’ombra della foresta aspettando l’ora che il sole tramonti per potersi abbeverare in spiaggia e magari lì addormentarsi.
I koala, invece, continuano a dormire.

Walla Molly, mi disse un signore aborigeno. Apri il cuore, senti la forza dell’amore e dell’energia che si collega con quella della natura, ascolta il tuo vero richiamo, connettiti con Madre Natura. E aveva ragione. Lì, a Cape Hillsborough, ho sentito per la prima volta il richiamo della Natura, mi sono sentita tutt’uno con essa, come se un mio passo fosse strettamente collegato con il movimento di un granchio o il salto di canguro.
Questo, per me, è il Walla Molly, l’Amore.

Sogno di libertà

Viaggiare è avere tutto senza possedere niente.

Me ne sono resa conto quando ho assaporato per la prima volta il senso di libertà che si prova sciogliendo il legame con le cose materiali.

Non so esattamente quando sia iniziata la mia passione vagabonda, sono semre stata una piccola inquieta ribelle, con tanti sogni, poca costanza ed una predilizione per l’estremismo. Ho cominciato presto a percorrere qualche passo sulla strada da sola, andandome di casa e iniziando la mia vita semi-autonoma, tagliando tanti legami che rischiavano di soffocarmi e andandome da tutto ciò che ritenevo normale. Poi sono arrivati i primi viaggi e la Thailandia, dove tante cose materiali hanno lasciato spazio a esperienze.
Viaggiando per due ore sul retro di un pick up con altre sette persone, ho realizzato quanto poco serve per essere felici e che, anzi, più si possiede, meno si è liberi.

Ora è arrivata l’Australia.
Di tutto un tratto ho deciso di non cercare casa e di rimanere in ostello, in una tenda da 20$. Possiedo solo il mio zaino e il suo contenuto. Nemmeno i piatti in cui mangio sono miei, nemmeno il materasso su cui dormo. Non ho una casa da curare, un ragazzo da amare, un animale da sfamare.
Ho me stessa, e la mia famiglia e i miei amici, che mi sostengono da lontano.
Niente di più, ed è fantastico.
Ho  generato un odio smisurato per il dio denaro, unica grande causa del degrado interiore, ma, putroppo, unica fonte di salvezza esteriore, e per il lavoro, che non nobilita, ma schiavizza l’uomo ad una sorta di sopravvivenza stentata.
Io non voglio sopravvivere, io voglio vivere.

Ho imparato a stare da sola e bastarmi, ho imparato a stringere forti legami con sconosciuti, ho imparato a prendere decisioni da sola e a capire cosa preferisco fare, ho imparato a non farmi condizionare e influenzare da nessuno: ho imparato a dipendere solo da me stessa.
Sono però solo a metà del mio cammino ed ogni volta che mi spoglio di qualcosa compio un passo verso la libertà assoluta.

Spesso sogno, mi vedo camminare senza meta, nuda, attraverso spiagge bianche, giungle, montagne innevate, deserti .. Non ho niente, i miei occhi sono sazi e sono libera, libera e felice.

Mai smettere di cercare la libertà estrema,
mai smettere di vedere il mondo attraverso gli  occhi di un bambino,
mai smettere di sognare,
mai smettere di viaggiare.

 

DCIM100GOPRO

Vecchie miniere d’oro e terra bruciata.

La brezza fresca mi scompiglia i capelli e dolcemente scuote le fronde dei pochi alberi spogli, i petali dei fiori e l’altalena vecchio stile creata con una ruota; il silenzio è quasi assordante e noi taciamo per non disturbare l’atmosfera di questa casa magica, letteralmente in mezzo al nulla, sorta per sorvegliare un’antica miniera d’oro e ora dimora dell’anziano custode e del suo agitato cane.

La tenuta è semplicissima, ma graziosa. Le pareti son di lamiera, così come il tetto, i mobili di legno, la toilette è completamente naturale ed all’aperto, cappelli di paglia sono appesi alle pareti, vecchie bottiglie di vetro fungono da soprammobili, mosaici artigianali decorano i pochi scalini e sul retro c’è un maestoso letto a baldacchino circondato da una rete antizanzare. Il tutto è circondato da rigogliosi fiori colorati ed è curato con attenzione nei minimi dettagli.
Fuori dalla casa ci sono due sedie, dalle quali si gode una vista stupenda sulla miniera d’oro, ora però abbandonata al degrado del tempo.
Alzando lo sguardono si vedono solo monti brulli, di colore giallo, aranzio e marrone, qua e là decorati con qualche cespuglio e contornati di termiti di varie misure. Il paesaggio è affascinante, così come la strada che abbiamo percorso per arrivare, tra vegetazione fitta e aree semi-desertiche.

Non mi abituerò mai a quanti colori pu assumere la terra, da rosso fuoco a giallo, passando per ogni tonalità di marrone, arancio e grigio, in un susseguirsi di curve e wallabies morti.

Finita la nostra pausa rigenerante, scambiamo qualche chiacchiera con un’anziana coppia Aussie style, che ci consiglia di proseguire la nostra rotta verso il celebre Mt Mulligan, famoso per aver ospitato una delle prime miniere di carbone della zona e, soprattutto il più grande disastro minerario d’Australia, causando la morte di 75 e più lavoratori.

L’idea è accattivante, e decidiamo di avventurarci per altri 25 kilometri di sentiero sterrato. Intorno a noi il paesaggio si fa sempre più selvaggio, brullo e desolato.
La strada si estende attraverso distese pianeggianti di terra rossa, tronchi e rare pozzanghere stagnanti. L’unica variante al paesaggio è monte Mulligan, un’immensa roccia ripida, che si staglia orgogliosa e insolente nel bel mezzo del nulla, regalando ombra a questa terra bruciata dal sole.
Finalmente compare qualche cartello stradale rovinato, unico segno di civiltà da ore, che indica il sito minerario. Seguendolo, ci troviamo a guidare attraverso i resti dell’antica cittadina e miniera.
Non c’è niente, tranne una ciminiera, delle piccole costruzioni, qualche attrezzo abbandonato e la famosa entrata della miniera, ormai decadente. Visitiamo anche il cimitero adiacente, abbandonato e malcurato.
Ogni reperto sembra essere testimone del senso di desolazione di cui la zona è immersa.

Come è possibile che nessuno si interessi di questo importante sito storico e faccia qualcosa per conservarlo?
Cercando in Internet, ho scoperto che Mt Mulligan è stato recentemente comprato da dei privati e che, tra l’altro, l’accesso al pubblico è vietato. Immaginatevi cosa succederebbe se un privato acquistasse Pompei e ne impedisse l’accesso ai visitatori: sarebbe uno scandalo che scatenerebbe reazioni di protesta, ma per i pacifici e rilassati australiani non è niente di cui preoccuparsi. Chi è così matto da fare ore di strada per visitare i resti di una miniera, quando può godersi un barbecue e una birra fresca con gli amici in riva al mare?

Stancate dal sole e piene di curiosità risaliamo sul pick up e riprendiamo la rotta verso casa, mentre il sole tramonta dietro la montagna, colorando il cielo di tutte le tonalità di arancio e giallo.
L’Australia è così naturalmente bella e i suoi abitanti ne sono così incantati da vivere in un’estasi di rilassatezza costante, che non li fa risvegliare quando la curiosità istintiva bussa alla porta.

photo

Ecstasiati

La prima volta che li ho visti mi sembrava di essere nella comune della felicita’: tutti contenti, tutti amici, ballare, magari bere qualche bicchiere di troppo, e divertirsi, genuinamente.

Poi sono arrivati i joints. La dipendenza dal tabacco e’ ormai acqua passata e ha lasciato il passo agli occhi rossi, alla fame chimica e alla comprensibile atmosfera di pace e amicizia. Comprensibile, anche se la politica del “cannone anche a colazione” continua a lasciarmi alquanto sconcertata.

Poi ho cominciato ad incuriosirmi di piu’, ad aprire gli occhi e guardare con maggiore attenzione. Ho visto bustine piene di pillole colorate, abbracci troppo affettuosi, ragazzi troppo sudati, mascelle volanti, occhi giganti e troppa, troppa energia.
“Pills, pills, pills!” sembra essere il nuovo mantra.

Non mi sono pero’ fermata all’apparenza e ho cercato di capire perche’ queste centinaia di ragazzi non si accontentano di vivere il loro “Australian Dream” e hanno bisogno di essere sempre “High”.

Molti di loro, i piu’ giovani per lo piu’, sono entrati da poco nel fantastico mondo delle droghe sintetiche e ne sono profondamente affascinati. proclamano di voler provare tutte le droghe (o di averle gia’ provate) e di essere in grado di smettere quando vogliono.

Altri, invece, vengono da diversi anni di usi e abusi, si atteggiano a “dottoridelle droghe”, dispensano contigli a chiunque ma, in fondo in fondo, a volte confessano di essersi pentiti di aver iniziato.

Altri, ancora, lo considerano un vizio non necessario, ma piacevole e, dunque, ne fanno uso ogni qualvolta lo ritengono necessario – ovvero spesso, molto spesso.

Io sto in loro compagnia, mi diverto(no), ma ogni volta che mi domandano “Are you high?” rispondo orgogliosamente “I don’t need it”, non mi serve, e continuo a saltare e ballare.
Non dico di non esserne incuriosita e in qualche modo affascinata, ma piu’ sto in compagnia di gente che ne fa uso, piu’ cerco di trovare energia e stimoli dentro me stessa. E la trovo.

P.S. – Preciso che questo articolo non riguarda il 100% delle persone e che deriva solo ed unicamente dalla mia personale e soggettiva esperienza

P.P.S. – chiedo scusa per l’assenza dal blog e colgo l’occasione per celebrarne il primo anno di vita!

Notte di luna piena

I piedi ardono, bruciano, come il peggior vino economico nello stomaco, come il fuoco improvvisato sulla spiaggia e come i piedi degli impavidi che si sfidano a saltarlo, al chiarore della luna piena pre eclissi.
La città è deserta, solo gli uccelli cantano, ma i piedi non si fermano, nonostante il dolore della corteccia che sfrega la schiena e nonostante gli addii che sembrano leggeri ma in realtà pesano più che mai.
Scorre la gente intorno a me, scorrono veloci saluti e promesse, scorrono baci nascosti, tutto scorre, labile, come il calore estivo misto all’umido della sabbia, e a me non resta che la mia libertà e la mia giovinezza in cui rifugiarmi, o qualche sorriso, vago ma sincero, di gente per strada pronta a raccontarti la propria vita, amara e penosa, attraverso occhi che implorano pietà.

Port Douglas, Australia, h. 4.00 e il rumore della vita che sprigiona energia.

Captain Morgan

“Guardate, la’ sulla terraferma c’e’ chi ora sta cucinando, chi guarda la TV, chi fa sport, chi sta ancora lavorando, chi sta litigando e noi siamo qua, in mezzo all’Oceano, in mezzo alle stelle”.

Esattamente in quel punto dove il cielo e il mare si fondono e diventano una cosa sola, bianca come una perla, e’ ancorata la Malachi III, con il suo capitano e le due ospiti. Il vento rinfresca leggero, le stelle brillano sull’acqua, la barca a vela ciondola leggera, coccolata dalle onde e l’equipaggio si prepara a godersi una notte al chiaro di luna.

Ore 6 del mattino, il cielo si riempie di luci ed il prepotente Sole tropicale si arrampica sulle mangrovie all’orizzonte; l’Oceano blu scuro inizia a colorarsi di varie sfumature di azzurro, mentre pesci di diverse misure si rincorrono tra i coralli.
Il mare e’ sveglio, e noi con lui: friggiamo qualche uova, scaldiamo il pane, tagliamo l’avocado, prepariamo il caffe’ e siamo pronti a levare l’ancora e a dirigerci lentamente verso l’isola di mangrovie. Queste piante spettacolari fondano le loro radici nell’acqua e crescono proprio su questa con le loro brillanti foglie verdi, che, una volta cadute e presrosse – arancio, contribuiscono a rendere l’Oceano ancora piu’ ricco di sfumature.

Scendiamo dalla nave e camminiamo su milioni di coralli morti, tra alghe, foglie, peschi, molluschi e … pinne di squalo, perche’ e’ proprio nelle acque di quest’isola deserta che mamma – squaletto porta i figli a sfamarsi. L’isoletta, di per se’, non e’ nient’altro che una distesa di coralli morti color grigio, intervallati da foglie di mangrovia rosso – arancio, alberi bianchi senza foglie e mangrovie dalle chiome verdi. Nessuna forma di vita, se non gli ucelli neri dal becco rosso, i ragni e le mosche del sole.

Una volta entrati nelle acque di una laguna nascosta, pero’, troviamo il paradiso sommerso: giganti tartarughe marine, pesci coloratissimi, mante e razze, enormi pesci pipistrello, Nemo e famiglia, spaventosi pesci neri dai denti affilatissimi e ricci di mare neri luccicanti sono gli abitanti dell’enorme citta’ sottomarina che, invece dei grattacieli di cemento, ha quelli di corallo.
Lilla, blu, verdi, rosa, gialli, bianchi, viola, di ogni sfumatura, morbidi e ondeggianti, rigidi e statici, a forma di stella o albero, uno accanto all’altro, a formare un equilibrio di forme e colori che solo Madre Natura e’ in grado di creare.

Ritorniamo a malincuore sulla nostra barca a vela, puliamo, impacchettiamo, leviamo l’ancora, spieghiamo le vele e siamo pronti a ripartire: il sole ad Oest, la rotta a Sud, il vento tr i capelli, il rumore delle onde nelle orecchie e Captain Morgan al timone.

P.S. Un grazie va a Captain Nik/Morgan, nato in Australia da padre cecoslovacco, cresciuto in Papua Nuova Guinea fino all’eta’ di dieci anni e poi tornato nel suo paese natio. Padre di tre figli e tre barche a vela, dopo dodici anni di sacrifici e’ ora pronto a salpare con la sua Malachi III per il viaggio della sua vita. Per ora la rotta e’ a Sud, poi si vedra’.